Freno di stazionamento elettrico: come funziona e come risolvere i suoi problemi

Freno di stazionamento elettrico: come funziona e come risolvere i suoi problemi

Nelle autovetture di recente generazione un componente spesso presente è il freno di stazionamento elettrico, un tipo di freno oramai di serie nelle vetture di gamma alta, in grado di liberare spazio nella zona del tunnel, sostituendo il tradizionale freno a mano.

Ma quali sono le caratteristiche del freno di stazionamento? Come funziona e come risolvere i problemi più frequenti a questo componente?

Cos’è e come funziona il freno di stazionamento elettrico

Per rispondere alle domande di cui sopra è certamente utile iniziare con il ricordare che il freno di stazionamento elettrico sostituisce la tradizionale leva del freno con un pulsante e una centralina elettronica, di norma integrando le funzioni di Hill Holder o Auto Hold, tenendo l’auto frenata in salita o quando si è fermi al semaforo. A volte la centralina è integrata nel sistema ESC con riduzione dei costi e migliore integrazione rispetto ad altri sistemi di bordo.

Tutto ciò premesso, il freno di stazionamento elettrico può essere ibrido con il freno a mano tradizionale (mantenendo le funi che azionano le ganasce integrate nei dischi posteriori) o integrato nelle pinze. I problemi di cui può soffrire il freno di stazionamento sono differenti a seconda della tipologia: proviamo a esaminarli separatamente.

Freno di stazionamento elettromeccanico: manutenzione e problemi

Come anticipato, la prima tipologia di freno di stazionamento è quella elettromeccanica, ibrida con il freno a mano tradizionale, poiché mantiene le funi che azionano le ganasce integrate nei dischi posteriori. Il motorino elettrico serve dunque solamente a tirare le funi e sostituisce la leva ad azionamento manuale.

Questo sistema, esattamente come avviene con il tradizionale freno a mano, può avere un rendimento decrescente nel corso del tempo a causa del deterioramento delle funi.

Non è poi un caso che buona parte dei problemi a cui può andare incontro questo sistema si manifestino proprio in caso di freddo intenso: il freno di stazionamento può rimanere bloccato e, in questo caso, è necessario sbloccare il sistema con un attrezzo speciale da parte del costruttore dell’auto, con un’operazione compiuta solamente dalle officine specializzate.

Freno di stazionamento elettrico a mano: manutenzione e problemi

La seconda tipologia è il freno di stazionamento integrato nelle pinze: il sistema è dotato della massima potenza frenante ed essendo gestito solo elettricamente è possibile applicare il freno di stazionamento anche sulle ruote anteriori, aumentando ulteriormente la sicurezza. In aggiunta a ciò, notiamo come questo tipo di freno di stazionamento determina meno problemi di affidabilità. 

In ogni caso, le auto dotate di freno di stazionamento elettrico dovrebbero essere sottoposte a periodico controllo, generalmente in sede di tagliando auto o revisione o pre-revisione, riguardando principalmente il corretto funzionamento dei motorini e il controllo dell’usura dei materiali di attrito.

Nel caso di freno dotato di funi, bisognerà altresì controllare l’usura delle stesse. In ogni caso, si tratta di una serie di controlli che è bene effettuare nelle officine autorizzate, evitando il ricorso al fai da te.

Per saperne di più, consigliamo tutti i nostri lettori di contattare il nostro staff qui